CWS-boco e Initial formano una joint venture

Insieme più forti

Da oggi CWS-boco e Initial si muovono ufficialmente in coppia. Entrambe le imprese sono fornitori leader a livello internazionale di servizi nel settore degli abiti da lavoro, dell'igiene del bagno e delle clean room. L'obiettivo della joint venture è diventare leader del mercato europeo.

Fusione CWS-boco & Initial

La commissione europea ha dato il proprio benestare alla fusione di CWS-boco e Initial sui mercati europei. Grazie alla fusione nasce un'impresa che opera in 16 paesi europei con circa 10.800 dipendenti e che produrrà complessivamente un fatturato di circa 1,1 miliardi di Euro. Entrambe le imprese si fondono nel gruppo CWS-boco sotto la direzione del CEO Thomas Schmidt. Fino a nuova comunicazione CWS-boco e Initial continueranno a gestire la propria attività all'interno della propria organizzazione.

Attraverso la fusione, la joint venture dovrà disporre in futuro di una rete ancora più capillare di lavanderie e autisti di servizio e quindi dovrà rifornire i clienti in modo più flessibile e più veloce. Essere ancora più vicini al cliente, approfondire maggiormente le diverse esigenze dei clienti e sviluppare le innovazioni: questi sono gli obiettivi enunciati. "Siamo lieti di poter iniziare con la formazione della joint venture. Sicuramente i nostri clienti potranno beneficiare delle conoscenze e delle esperienze condivise delle due imprese", dichiara Thomas Schmidt, CEO del gruppo CWS-boco.

La costituzione della joint venture è stata annunciata nel dicembre 2016 dal socio di CWS-boco Haniel e da Rentokil Initial. Dopo l'autorizzazione dell'autorità antitrust europea, Haniel detiene l'82 percento delle quote della fusione e Rentokil Initial il 18 percento. La sede della società è Duisburg.